La SEO di Google. Come posizionarsi sui motori di ricerca?

Essere tra i primi risultati della SERP di Google è ciò che ogni proprietario di un sito web vorrebbe ottenere. Anche se la concorrenza è alta e trovare una nicchia di parole chiave per cui potersi posizionare è ormai difficile, nulla è impossibile. Ci sono degli accorgimenti e delle azioni che si possono attuare nel proprio sito web affinché esso compaia nella prima pagina dei risultati di Google.

Essere tra i primi risultati della SERP di Google è ciò che ogni proprietario di un sito web vorrebbe ottenere. Anche se la concorrenza è alta e trovare una nicchia di parole chiave per cui potersi posizionare è ormai difficile, nulla è impossibile. Ci sono degli accorgimenti e delle azioni che si possono attuare nel proprio sito web affinché esso compaia nella prima pagina dei risultati di Google.

Gli elementi da valutare per il posizionamento

Innanzitutto, è bene lavorare sulla mappa del sito. Questa componente non è visibile agli utenti, ma aiuta i robot di Google (cioè gli spider che analizzano il web alla ricerca di siti e pagine nuove) a raggiungere tutte le pagine di cui è composto un sito e ad averne una visione globale. Bisogna ricordarsi di segnalarla a Google attraverso la Search Console. Ci sono altri elementi, però, che necessitano di particolare attenzione e su cui si dovrà lavorare manualmente per mirare ad ottenere un buon posizionamento.

Il tag title

Il tag title è il titolo di colore blu che compare nella SERP di Google e deve contenere la parola chiave che tratterà la pagina collegata. La regola da seguire è semplice: ogni pagina deve avere una keyword associata che dovrà corrispondere alla query (la ricerca) digitata dagli utenti. La stessa parola chiave, dunque, dev’essere inserita anche nel tag title.

La meta description

La meta description è l’elemento di color grigio sotto il titolo blu nella SERP. È la descrizione di ciò che contiene la pagina ed è anch’essa un elemento che è bene venga compilato utilizzando anche le parole chiave. Sebbene non sia un elemento fondamentale per Google nel decidere il posizionamento di un sito web, è molto importante per gli utenti, perché offre loro un’anteprima di ciò che contiene la pagina ed è ciò che li spinge a visitarla. Infatti, la meta description è molto importante per migliorare il CTR (Click Trough Rate), ovvero il tasso di click in percentuale alle visualizzazioni. Per questo motivo è bene concludere la meta description con una call to action, cioè una “chiamata all’azione”. La CTA (Call To Action) dev’essere una breve frase che porti l’utente ad attuare un comportamento specifico. Per esempio: “Scopri le nuove date dell’evento!”, “Contattaci!” e così via.

 Gli Heading Tag

Le pagine che compongono i siti web necessitano, inoltre, dell’ottimizzazione degli Heading Tag, cioè i titoli dei paragrafi. Essi sono elementi visibili dagli utenti/lettori e sono identificati in codice HTML dalla lettera H e una serie di numeri (H1 corrisponde al titolo principale, H2 il sotto titolo, H3 il sotto sotto titolo e via dicendo, fino ad H6). È bene inserire le parole chiave più strategiche all’interno di essi, seguendo la logica “un topic, una pagina“. In questo articolo che stai leggendo l’H1 richiama il titolo dell’articolo stesso “La SEO di Google. Come posizionarsi sui motori di ricerca?“, l’H2 è  “Gli elementi da valutare per il posizionamento” e, infine, gli H3 sono “Il tag title“, “La meta description“, “Gli heading tag“, “Le immagini“.

Le immagini

Un altro aspetto fondamentale è l’ottimizzazione delle immagini in ottica SEO. Le immagini devono sempre rinominate per comunicare a Google di cosa tratta la fotografia inserita nell’articolo, che dev’essere coerente con il contenuto testuale pubblicato. Ricordati, inoltre, che le foto non devono pesare troppo altrimenti si potranno avere problemi con il caricamento delle pagine del sito, con conseguente peggioramento di ranking da parte di Google e difficoltà di posizionamento in prima pagina.

Tutti gli elementi appena descritti andranno ad incidere sul posizionamento organico del sito web nella SERP, influendo sulla probabilità di far comparire il tuo sito tra le prime posizioni. Potrebbe accadere che la concorrenza sia troppo difficile da superare in termini di posizionamento organico. In questi casi, per comparire comunque tra i primi risultati di Google bisognerà attuare una strategia di visibilità a pagamento, attraverso lo strumento pubblicitario di Google Ads.

Quale posizione ricopre il tuo sito web nella SERP di Google? È visibile tra i primi risultati della prima pagina? Se vuoi avere più informazioni a riguardo o hai bisogno di una strategia su misura per te, contattaci! La prima consulenza è gratuita!

Se vuoi più informazioni

Non esitare a contattarmi per saperne di più!

Scrivimi qui sotto cosa vorresti realizzare, insieme troveremo la giusta soluzione per raggiungere il tuo obiettivo!

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Nome